8 settembre

1943-09-08

Ciano - Aristide Papazzi, da poco rientrato dal carcere, tiene un discorso chiamando i ragazzi a battersi contro i nazisti. Ennio Ganapini muore in Albania.

 

9 settembre

1943-09-09

Praticello di Gattatico - Un drappello di soldati nazisti tentano di assaltare la caserma dei carabinieri e requisire le armi. Il maresciallo Alfio Pistorio dà ordine di resistere. Segue uno scontro a fuoco che disperde i nazisti, ma lascia gravemente ferito il carabiniere Giovanni Magrini.

Leggi l'episodio
 

9 settembre

1943-09-09

Scampate di Montecavolo - Riunione dei vertici del Pci reggiano, che dopo aver ascoltato Attilio Gombia decidono di avviare la resistenza armata (“lavoro sportivo”).

 

1 ottobre

1943-10-01

Ramiseto - Massimiliano Villa svolge propaganda antifascista.

 

10 novembre

1943-11-10

Ciano Savorgnan nomina l’ex podestà Mario Vezzosi commissario prefettizio di Ciano.

 

25 novembre

1943-11-25

Gattatico - A Praticello reparti di militi fascisti catturano i sette fratelli Cervi, il loro padre, Quarto Camurri ed alcuni ex prigionieri di guerra stranieri.

 

1 dicembre

1943-12-01

Roncaglio - Si tengono alcune riunioni del Pci in casa di Giuseppe Ferrari, rientrato dalla Francia.

 

14 dicembre

1943-12-14

Cavriago - Presso Corte Tegge viene giustiziato il 1° seniore Giovanni Fagiani. Coprifuoco nel paese, multa alla popolazione, vari arresti.

 

15 dicembre

1943-12-15

Annunciano pubblicamente di voler vendicare Fagiani gli «Ufficiali della Guardia nazionale repubblicana», corpo armato fascista costituito il giorno 8 dicembre.

 

9 gennaio

1944-01-09

Caprara - Ferito un allievo ufficiale della Gnr.

 

10 gennaio

1944-01-10

Cavriago - Ucciso un vice comandante della Gnr

 

31 gennaio

1944-01-31

Val d'Enza - Alla fine di gennaio la Val d'Enza, la zona tenuta dalla 144a (così doveva chiamarsi da quel momento la 32a Brigata, per disposizione del Comando Nord Emilia), viene investita da un rastrellamento.

 

29 febbraio

1944-02-29

Reggio Emilia - Viene ucciso, presso Villa Canali, il commissario politico del fascio repubblicano di Campegine.

 

1 marzo

1944-03-01

Viene costituita una brigata GAP (poi 37a). Nella seconda metà di marzo nasce l'organizzazione sussidiaria chiamata «paramilitare». Ha il compito di organizzare e accompagnare i reclutati in montagna servendosi di staffette, guide e case di appoggio. I viaggi erano notturni e su sentieri poco battuti.

 

1 marzo

1944-03-01

In quei giorni doveva scadere il termine per la presentazione alle armi dei giovani chiamati a far parte dell'esercito fascista. Perciò si stava preparando una grossa spedizione di reclute. Era stato deciso dal CLN e dal PCI di dare alle formazioni una direzione solida. Didimo Ferrari «Eros» e Riccardo Cocconi «Miro» avevano l'incarico di guidare assieme ai modenesi il movimento partigiano della montagna e di costituire non appena possibile un comando reggiano. Vennero formati tre distaccamenti e a fianco di ciascun comandante posti per la prima volta i Commissari.

Leggi l'episodio
 

1 marzo

1944-03-01

In campo fascista, annuncio della prossima costituzione di Servizi ausiliari femminili; nomina di commissari prefettizi in 21 comuni della provincia; disposizioni per la visita e la confisca di cavalli e muli; apertura delle domande di arruolamento nella costituenda «compagnia della morte».

 

1 marzo

1944-03-01

Montecavolo (Quattro Castella) - In coincidenza con lo sciopero di Milano, Torino, Genova hanno luogo varie astensioni. A Montecavolo viene bloccato un pullman della SARSA e due militi che si trovavano sul mezzo vengono aggrediti e disarmati dalla popolazione che, aderendo allo sciopero, stazionava sulla strada. Per rappresaglia il paese viene messo a soqquadro.

 

4 marzo

1944-03-04

Ciano - Il capo della provincia nomina commissario prefettizio l’ing. Eolo Morini.

 

15 marzo

1944-03-15

Ramiseto - Si forma il primo nucleo partigiano dell’alta val d’Enza comandato da Massimiliano Villa “William”. Un gruppo comandato da Olimpio Mercati (Pasquino) si insedia a Sadignano per scortare i giovani in montagna.

 

19 marzo

1944-03-19

Busana - Il distaccamento Don Pasquino attacca il presidio fascista.

 

30 marzo

1944-03-30

Al comando generale dell Gnr sono segnalati nuclei partigiani a Gombio, comprendenti ex prigionieri e 2 disertori tedeschi. A fine mese si insedia nei locali della scuola di Ciano un presidio della Gnr al comando di Ivo Solimè.

 

1 aprile

1944-04-01

Ramiseto - Il distaccamento Don Pasquino fissa la sua base sul monte Scalucchia e stabilisce contatti con la popolazione di Succiso.

 

3 aprile

1944-04-03

Gombio (Castelnovo Monti) - In seguito ad un rastrellamento alla ricerca di un inesistente distaccamento partigiano, un gruppo della «Goering» appoggiato da repubblichini, uccide quattro persone a Gombio, una a Villaberza ed un americano a Beleo. A Castelnuovo viene arrestato Pasquale Marconi.

 

23 aprile

1944-04-23

Succiso - Eros parla alla popolazione.

 

27 aprile

1944-04-27

Muioscoso - Il distaccamento Don Pasquino distribuisce formaggio alla popolazione di Miscoso.

 

2 maggio

1944-05-02

Selvanizza - I partigiani della val d’Enza attaccano la fabbrica di tannino gestita dai tedeschi.

 

5 maggio

1944-05-05

Ciano - Il distaccamento don pasquino mette in fuga il presidio di Vetto e si spinge fino a Ciano. Il presidio di Ciano si ritira a San Polo.

 

5 maggio

1944-05-05

Fornovo - Aviolancio

 

15 maggio

1944-05-15

Cavriago - Sciopero in due stabilimenti.

 

18 maggio

1944-05-18

Val d’Enza - Arrivano da Lama Golese 12 partigiani guidati da Sintoni che danno vita al distaccamento Cervi; e altri 18 sotto il comando di Gino che costituiscono il distaccamento Piccinini.

 

25 maggio

1944-05-25

Fabbrico - Viene ucciso il commissario fascista del luogo.

 

1 giugno

1944-06-01

Ramiseto - I partigiani della montagna disarmano il presidio Gnr.

 

2 giugno

1944-06-02

Codemondo (Reggio Emilia) - Sappisti e gappisti disarmano il presidio dell'Aeronautica.

 

5 giugno

1944-06-05

Cervarezza - I distaccamenti della val d’Enza attaccano il presidio Gnr e 2 corriere, arrestando il tenente Brino Ferretti.

 

7 giugno

1944-06-07

Collagna - Il distaccamento Cervi fa saltare un ponte e attacca il presidio.

 

11 giugno

1944-06-11

Sant'Ilario d'Enza - Viene ucciso il commissario prefettizio locale. La popolazione ritenuta «connivente» viene punita con un'ammenda collettiva di 200.000 lire.

 

12 giugno

1944-06-12

Val d'Enza - Puntata delle forze fasciste in Val d'Enza. I partigiani del don Pasquino scendono a Ciano, disarmano 3 militi, tagliano i fili del telefono.

 

13 giugno

1944-06-13

Ciano d'Enza - Partigiani della Don Pasquino dostribuiscono alla popolazione 20 quintali di grano e 60 chili di riso prelevandoli dall'ammasso locale.

 

15 giugno

1944-06-15

Roncaglio - I fascisti di San Polo vengono sconfittiin un oscontro coi partigiani; per rappresaglia uccidono il mugnaio Odoardo Campani.

 

20 giugno

1944-06-20

Cavriago - Viene ucciso il commissario politico locale.

 

24 giugno

1944-06-24

Ciano - Il distaccamento don Pasquino viene sdoppiato e nasce il Prampolini con Marco comadnate e Testa di ferro commissario. Nascono i distaccamenti Aderito Ferrari e Brenno Casini.

 

30 giugno

1944-06-30

Appennino reggiano - Rastrellamento dell'Appennino reggiano, che durerà sino al 5 luglio, con razzie, incendi, uccisioni di vari civili. I tedeschi riconquistano il controllo della statale 63; uccidono una ventina di partigiani e deportano oltre 100 civili.

Leggi l'episodio
 

1 luglio

1944-07-01

Si formano CLN Emilia e il CUMER (Comitato Unico Militare Emilia Romagna). I partigiani della val d’Enza, oltre 300 unità, entrano nella VI divisione, con comandante Sintoni e commissario Benassi.

 

1 luglio

1944-07-01

Boretto - I partigiani provocano 3 deragliamenti sulla Reggio-Boretto.

 

2 luglio

1944-07-02

Ciano - Il distaccamento Ferrari attacca i tedeschi a Rosano.

 

3 luglio

1944-07-03

Appennino reggiano - La squadra volante di Pasquino (Olimpo Mercati) intercetta una vettura tedesca e uccide un maggiore. 3 tedeschi vengono uccisi a Ciano e altri 2 sulla strada per Casina. I civili catturati vengono rinchiusi nel campo sportivo di Bibbiano. Pure a Bibbiano viene concentrato il bestiame razziato.

 

4 luglio

1944-07-04

Barazzone-Cortogno-Faieto (Casina) - Rappresaglia nel corso della quale vengono uccisi sette civili ed incendiate molte case; l'azione è accompagnata da una «accurata» razzia di bestiame.

 

5 luglio

1944-07-05

Castelnuovo Monti - Violento bombardamento alleato.

 

5 luglio

1944-07-05

Sant'Ilario - Rastrellamento fascista con 20 arresti. I dirigenti della Sap salgono in montagna.

 

7 luglio

1944-07-07

Viene creato il corpo d'armata Centro-Emilia da cui dipendono le formazioni partigiane della montagna modenese e reggiana.

 

8 luglio

1944-07-08

Esce in montagna, dattiloscritto, il primo numero del giornaletto «Il Garibaldino».

 

13 luglio

1944-07-13

Ghiardello - I fascisti rastrellano a Ghiardello e incendiano 3 case.

 

15 luglio

1944-07-15

Lacrimone - Il disataccamento Prampolini attacca un automezzo fascista sulla strada per Ranzano uccidendo 2 militi.

 

21 luglio

1944-07-21

Reggio Emilia - Costituzione della Brigata Nera. Con circolare n.2 del 21 luglio Pavolini precisa parlando delle nuove unità «Nelle azioni contro i ribelli, le squadre non fanno prigionieri».

 

28 luglio

1944-07-28

In montagna viene costituito il Comando Unico provvisorio. Comandante e Commissario comunista, Vice Comandante e V. Commissario democristiani.

 

29 luglio

1944-07-29

Canossa - Il distaccamento Rosselli si insedia sul monte Tesa vicino.

 

30 luglio

1944-07-30

Appennino reggiano e modenese - Rastrellamento tedesco sull'Appennino reggiano e modenese («Repubblica di Montefiorino»). La VI divisione attacca la statale per alleggerire i compagni del Secchia.

 

31 luglio

1944-07-31

In Val d’enza ci sono 16 distaccamenti con 550 uomini.

 

6 agosto

1944-08-06

Val d’Enza - I gappisti attaccano vari automezzi nemici.

 

10 agosto

1944-08-10

Codemondo - Attacco gappista.

 

15 agosto

1944-08-15

Ciano - I partigiani danneggiano il ponte sul Rio Luceria e quello sul Rio Cerezzola. I partigiani di “Modena” attaccano il presidio di Ciano.

 

16 agosto

1944-08-16

Ciano - I partigiani danneggiano il ponte sul Rio Luceria e quello sul Rio Cerezzola. I partigiani di “Modena” attaccano il presidio di Ciano.

 

17 agosto

1944-08-17

Ciano - I partigiani danneggiano il ponte sul Rio Luceria e quello sul Rio Cerezzola. I partigiani di “Modena” attaccano il presidio di Ciano.

 

20 agosto

1944-08-20

Scurano - Il distaccamento Prampolini distribuisce grano alla popolazione.

 

20 agosto

1944-08-20

Felina - Attacchi partigiani al presidio. I tedeschi reagiscono con un violento rastrellamento.

 

21 agosto

1944-08-21

Felina - Attacchi partigiani al presidio. I tedeschi reagiscono con un violento rastrellamento.

 

22 agosto

1944-08-22

Felina - Attacchi partigiani al presidio. I tedeschi reagiscono con un violento rastrellamento.

 

23 agosto

1944-08-23

Felina - Attacchi partigiani al presidio. I tedeschi reagiscono con un violento rastrellamento.

 

23 agosto

1944-08-23

Nascita del Cln zona montagna, di cui fa parte anche Prato.

 

24 agosto

1944-08-24

Felina - Attacchi partigiani al presidio. I tedeschi reagiscono con un violento rastrellamento.

 

25 agosto

1944-08-25

Felina - Attacchi partigiani al presidio. I tedeschi reagiscono con un violento rastrellamento.

 

26 agosto

1944-08-26

Felina - Attacchi partigiani al presidio. I tedeschi reagiscono con un violento rastrellamento.

 

27 agosto

1944-08-27

Felina - Attacchi partigiani al presidio. I tedeschi reagiscono con un violento rastrellamento.

 

28 agosto

1944-08-28

Gombio - Si costituisce a Gombio il distaccamento Gramsci comandato da Ernesto, commissario Tigre.

 

29 agosto

1944-08-29

San Polo - Il distaccamento Antifascista attaccano il presidio e uccidono un fascista.

 

30 agosto

1944-08-30

Grassano (San Polo d'Enza) - «Casa Roma» viene incendiata e Giuseppe Fontanili, che la abitava, viene ucciso. La casa era la prima stazione del viaggio clandestino dalla pianura alla montagna ed in poco tempo si era trasformata, praticamente, in un distretto per il reclutamento partigiano.

 

31 agosto

1944-08-31

Ciano - Rastrellamento eseguito da Wender.

 

1 settembre

1944-09-01

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

1 settembre

1944-09-01

Ciano - Il distaccamento Antifascista arresta 4 spie e ne fucila 3.

 

2 settembre

1944-09-02

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

2 settembre

1944-09-02

Ciano - Il distaccamento Antifascista arresta 4 spie e ne fucila 3.

 

2 settembre

1944-09-02

Quattro Castella - Attacco partigiano al presidio.

 

3 settembre

1944-09-03

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

4 settembre

1944-09-04

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

5 settembre

1944-09-05

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

5 settembre

1944-09-05

Succiso - Aviolancio alleato.

 

5 settembre

1944-09-05

Cavriago - I partigiani prelevano un tedesco per effettuare scambi.

 

6 settembre

1944-09-06

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

6 settembre

1944-09-06

Ciano d'Enza - La Brigata nera lascia il paese di Ciano, in seguito ad un attacco dei partigiani della Val d'Enza.

 

7 settembre

1944-09-07

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

8 settembre

1944-09-08

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

9 settembre

1944-09-09

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

10 settembre

1944-09-10

Appennino reggiano - Vengono eletti democraticamente i Consigli Comunali a Collagna, Busana, Ramiseto e Vetto d'Enza (sindaco Geminio Guazzetti9. Saranno eletti anche quelli di Ligonchio e Villa Minozzo.

 

13 settembre

1944-09-13

Il sabotatore Demonio distrugge il “ponte del gatto” tra Vetto e Ciano.

 

22 settembre

1944-09-22

Sparavalle - Violenta battaglia; il distaccamento Montananri si sgancia a Monte Miscoso; il Ferrari a Ramiseto.

 

27 settembre

1944-09-27

Ciano - Attacco nazista da Bazzano e insediamento tedesco.

 

29 settembre

1944-09-29

Roncroffio (Castelnovo Monti) - I nazisti saccheggiano e incendiano il paese, uccidendo quattro abitanti.

 

30 settembre

1944-09-30

Roncroffio (Castelnovo Monti) - I nazisti saccheggiano e incendiano il paese, uccidendo quattro abitanti.

 

30 settembre

1944-09-30

Montecavolo - I partigiani prelevano pasta e la distribuiscono.

 

2 ottobre

1944-10-02

Montecchio - I tedeschi smobilitano il presidio. Arrivano però 300 BN.

 

3 ottobre

1944-10-03

Testa scioglie tutti i fasci della montagna reggiana, compresi Ciano, Vetto e Ramiseto.

 

6 ottobre

1944-10-06

Val d'Enza - Truppe tedesche raggiungono Vetto. Durante il guado del fiume Enza, protetto dal Cervi, muoiono 3 partigian per annegamente e altri tre in combattimento. Sintoni si trasferisce presso la 47°; vari partigiani vengono ricoverati a Pratolongo.

 

9 ottobre

1944-10-09

Vetto - Attacco partigiano.

 

11 ottobre

1944-10-11

Settimana del Partigiano.

 

12 ottobre

1944-10-12

Settimana del Partigiano.

 

13 ottobre

1944-10-13

Settimana del Partigiano.

 

14 ottobre

1944-10-14

Settimana del Partigiano.

 

15 ottobre

1944-10-15

Settimana del Partigiano.

 

15 ottobre

1944-10-15

Vetto - La 26° conta 581 effettivi divisi in 3 battaglioni. Il comando è a Casone di Vetto

 

16 ottobre

1944-10-16

Settimana del Partigiano.

 

17 ottobre

1944-10-17

Settimana del Partigiano.

 

18 ottobre

1944-10-18

Settimana del Partigiano.

 

18 ottobre

1944-10-18

Gazzolo - Scontro tra partigiani e tedeschi.

 

19 ottobre

1944-10-19

Cavriago-Barco-Bibbiano - Rastrellamento in zona Cavriago Barco Bibbiano con fermo di 150 persone.

 

6 novembre

1944-11-06

Praticello (Gattatico) - Partigiani della pianura assaltano il presidio della Gnr e il campo di aviazione. 6 militi uccisi.

 

7 novembre

1944-11-07

Sant’Ilario - I gappisti abbattono 10 pali telefonici sulla via Emilia.

 

13 novembre

1944-11-13

Diffusione del «messaggio Alexander» a mezzo radio.

 

17 novembre

1944-11-17

Legoreccio - I nazifascisti attaccano di sorpresa il distaccamento Cervi a Legoreccio: 18 partigiani uccisi subito dopo la cattura e 6 più tardi.

Leggi l'episodio
 

19 novembre

1944-11-19

Pieve Modolena-Cavazzoli - Come rappresaglia al ferimento di un milite avvenuto nel pomeriggio fascisti arrestano 4 patrioti a Pieve Modolena e li fucilano presso Cavazzoli Nord.

 

20 novembre

1944-11-20

Castagneto - Attacco notturno tedesco a Rabona di Castagneto, sede del distaccamento Amendola. Tra i partigiani, 4 morti e 4 prigionieri che saranno fucilati due giorni dopo. Il comando si trasferisce a Lugolo. Il IV battaglione passa l’Enza.

 

20 novembre

1944-11-20

Monte Caio (Parma) - Anche nel parmense operazioni nemiche. In particolare la zona del Monte Caio viene rastrellata metro a metro. Perdono la vita 6 garibaldini, alcuni russi e numerosi civili della provincia di Parma.

 

22 novembre

1944-11-22

Sant'Ilario - Rastrellamento tedesco. Arrestati 34 uomini, 7 dei quali saranno deportati a Mauthausen.

 

25 novembre

1944-11-25

Succiso - Puntata tedesca a Succiso: 6 partigiani e 1 civile uccisi. In 12 giorni la 32° ha perso 45 uomini.

 

28 novembre

1944-11-28

Iniziano gli arresti di dirigenti provinciali della Resistenza. Il primo è Angelo Zanti, del Comando Piazza, ufficiale di collegamento tra le formazioni reggiane ed il Comando Nord Emilia. Sono indiziati inoltre tutti i componenti del CLN prov, vari dirigenti politici e militari. Il movimento è paralizzato al vertice.

 

1 dicembre

1944-12-01

Miscoso - Nasce il battaglione russo di Pirogov.

 

2 dicembre

1944-12-02

Reggio Emilia - I partigiani attaccano e disarmano il presidio della GNR a Villa Cadè.

 

5 dicembre

1944-12-05

Barco - I sappisti smontano le rotaie.

 

8 dicembre

1944-12-08

Boretto - I sappisti danneggiano diversi vagoni.

 

9 dicembre

1944-12-09

Boretto - I sappisti danneggiano diversi vagoni.

 

10 dicembre

1944-12-10

Boretto - I sappisti danneggiano diversi vagoni.

 

11 dicembre

1944-12-11

Boretto - I sappisti danneggiano diversi vagoni.

 

11 dicembre

1944-12-11

Gli alleati premono per la sostituzione di Sintoni.

 

12 dicembre

1944-12-12

Boretto - I sappisti danneggiano diversi vagoni.

 

15 dicembre

1944-12-15

San Polo - I partigiani uccidono un tedesco.

 

16 dicembre

1944-12-16

Cavriago-Sant’Ilario - I partigiani requisiscono 3000 forme di formaggio.

 

19 dicembre

1944-12-19

Gonzaga-Bassa reggiana - Quaranta partigiani della pianura reggiana partecipano al combattimento di Gonzaga.

 

20 dicembre

1944-12-20

Quattro Castella - Ucciso un capitano della Gnr.

 

20 dicembre

1944-12-20

Ciano - Ucciso Seifert e recuperati i documenti della scuola antiribelli!

Leggi l'episodio
 

21 dicembre

1944-12-21

Ciano d'Enza - Come rappresaglia per l'uccisione di due tedeschi nei pressi di Vercallo, vengono prelevate 12 persone dalle carceri tedesche per essere fucilate nel luogo dello scontro.

 

22 dicembre

1944-12-22

Ciano d'Enza - Come rappresaglia per l'uccisione di due tedeschi nei pressi di Vercallo, vengono prelevate 12 persone dalle carceri tedesche per essere fucilate nel luogo dello scontro.

 

22 dicembre

1944-12-22

Ciano d'Enza - Come rappresaglia per l'uccisione di due tedeschi nei pressi di Vercallo, vengono prelevate 12 persone dalle carceri tedesche per essere fucilate nel luogo dello scontro.

 

23 dicembre

1944-12-23

Ciano d'Enza - Come rappresaglia per l'uccisione di due tedeschi nei pressi di Vercallo, vengono prelevate 12 persone dalle carceri tedesche per essere fucilate nel luogo dello scontro.

 

29 dicembre

1944-12-29

Nascita della Sap Montagna.

 

5 gennaio

1945-01-05

Boretto - Il sappista Felice Montanari «Nero», assediato dai tedeschi all'interno del casello ferroviario n. 23, dopo una lunga resistenza si uccide per non cadere in mano nemica.

Leggi l'episodio
 

13 gennaio

1945-01-13

Reggio Emilia - Esecuzione capitale di Angelo Zanti, nella caserma di viale Allegri a Reggio Emilia.

Leggi l'episodio
 

21 gennaio

1945-01-21

Cavriago - Rastrellamento a Cavriago. Arresto di 41 persone.

 

23 gennaio

1945-01-23

Accordo sugli sconfinamenti tra la 32° e la 47a.

 

28 gennaio

1945-01-28

Reggio Emilia, ponte sul Quaresimo (via Emilia per Parma) - La sera del 27 gennaio viene minato il ponte sul Quaresimo. Sulle mine salta una vettura tedesca e nello scoppio restano uccisi un ufficiale e un soldato. Come rappresaglia sul ponte vengono uccisi, il giorno dopo, 10 prigionieri prelevati dalle carceri di Reggio.

 

29 gennaio

1945-01-29

Montecchio - Incursione partigiana per impedire un raduno bestiame. Varie perdite nemiche, 11 alpini prigionieri.

 

31 gennaio

1945-01-31

Scurano - Rastrellamento fascista.

 

7 febbraio

1945-02-07

Caverzana - Prodigioso salvataggio del distaccamento Cervi di fronte a 80 tedeschi.

 

14 febbraio

1945-02-14

Sant'Ilario - Fucilazione di 20 ostaggi prlevati dalle carceri di Parma, presso Calerno, come rappresaglia alle azioni della 144a SAP lungo la via Emilia.

Leggi l'episodio
 

17 febbraio

1945-02-17

Ligonchio - In seguito alla fucilazione di Zanti, gli organi dirigenti della Resistenza ordinano la fucilazione del comandante del distretto militare col. Francesco Battaglia, catturato tempo prima dai partigiani.

 

27 febbraio

1945-02-27

Fabbrico - Combattimento tra fascisti e partigiani. Liberazione di 22 ostaggi e numerose perdite nemiche.

 

19 marzo

1945-03-19

Codemondo, Cavriago, Montecchio e Bibbiano - Attacco partigiano simultaneo ai presidi fascisti di Codemondo, Cavriago, Montecchio e Bibbiano.

 

20 marzo

1945-03-20

S.Ilario - Attacco a Villa Giordani.

 

1 aprile

1945-04-01

Appennino reggiano - Esce in montagna «La Penna», giornaletto ciclostilato della Brigata Fiamme Verdi.

 

6 aprile

1945-04-06

Quattro Castella - Attacco partigiano a Villa Manodori.

 

7 aprile

1945-04-07

Brescello - I partigiani di Corniglio attaccano il Municipio e disarmano la Bn.

Leggi l'episodio
 

8 aprile

1945-04-08

Brescello - I partigiani di Corniglio attaccano il Municipio e disaramano la Bn.

 

9 aprile

1945-04-09

Brescello - I partigiani di Corniglio attaccano il Municipio e disaramano la Bn.

 

10 aprile

1945-04-10

Brescello - I partigiani di Corniglio attaccano il Municipio e disaramano la Bn.

 

10 aprile

1945-04-10

Ciano d'Enza - Dopo vari combattimenti, partigiani reggiani della 144a e parmensi della 143a cacciano i tedeschi da Ciano.

 

11 aprile

1945-04-11

Brescello - I partigiani di Corniglio attaccano il Municipio e disaramano la Bn.

 

12 aprile

1945-04-12

Brescello - I partigiani di Corniglio attaccano il Municipio e disaramano la Bn.

 

13 aprile

1945-04-13

Brescello - I partigiani di Corniglio attaccano il Municipio e disaramano la Bn.

 

13 aprile

1945-04-13

Bibbiano - Forte combattimento. Muore il gappista Lorenzo Gennari. I fratelli Corradini fucilati a Travagliola.

 

13 aprile

1945-04-13

Provincia reggiana - Manifestazioni di donne in gran parte dei Comuni della pianura e in Reggio Emilia per la pace e contro la fame.

 

17 aprile

1945-04-17

Brescello - Partigiani attaccano e disarmano il presidio fascista.

 

17 aprile

1945-04-17

Bruno Catellani Gek fa saltare il ponte agli schiocchi.

 

17 aprile

1945-04-17

Montecchio - I partigiani prendono prigionieri 17 tedeschi.

 

21 aprile

1945-04-21

Sant' Ilario - Viene posto in fuga il presidio fascista.

 

21 aprile

1945-04-21

Appennino reggiano - Le Brigate garibaldine 144a e 145a effettuano il blocco della ss 63 nel tratto montano.

 

23 aprile

1945-04-23

Appennino reggiano - Messi in fuga i tedeschi da Cerreto Alpi a Castelnovo Monti. Forte combattimento a Felina.

 

23 aprile

1945-04-23

Provincia - Combattimenti a Campegine e Cavriago.

 

24 aprile

1945-04-24

Cadelbosco Sopra - Plinio Torelli "Porthos" viene ucciso in battaglia.

Leggi l'episodio
 

24 aprile

1945-04-24

Provincia - La ss63 libera sino a Vezzano, ove si combatte. Scontri anche tra Bibbiano, Cavriago, Montecchio (dove è presente anche Roveda). Reggio è liberata nel pomeriggio. Il CLN Provinciale e il Comando Unico Zona si riuniscono in Prefettura.

 

24 aprile

1945-04-24

Casaltone, Sorbolo - I tedeschi in fuga saccheggiano e incendiano alcune case a Sorbolo (Parma). 21 civili vengono uccisi e trecento vengono usati come scudi umani nella ritirata.

Leggi l'episodio
 

25 aprile

1945-04-25

Il CLN Alta Italia emana l'ordine di insurrezione generale e assume i pieni poteri nelle zone e nelle città liberate.

 

25 aprile

1945-04-25

Provincia - Esce il quotidiano «Reggio Democratica» in luogo de «Il Solco fascista». Nomina del Prefetto da parte del CLN. Caccia ai franchi tiratori. Insediamento di vari Sindaci. Della 144a, il VI e il X battaglione partecipano alla linerazione di Reggio, il IV a quella di Parma, il V resta in montagna.

 

1 maggio

1945-05-01

Provincia - Celebrazione della festa del lavoro.

 

3 maggio

1945-05-03

Reggio Emilia - Cerimonia della smobilitazione di gran parte dei Volontari della Libertà.