Leda Palazzi Bacchi

Molti in paese la ricordano solo come “la mia maestra”, ma chi è stata in realtà Leda Bacchi Palazzi? Nata a Brescello il 28 giugno 1911, terzogenita. La famiglia abitava appena fuori dal paese e godeva di un piccolo appezzamento. Seguendo il consiglio degli insegnanti, dopo le elementari a Brescello, i genitori mandarono Leda a scuola a Viadana e poi al Regio Istituto Magistrale San Vitale di Parma, facendola soggiornare presso una disponibilissima famiglia parmigiana. In città Leda si formò culturalmente, leggendo molti libri nelle biblioteche. Conseguì il diploma nel 1931. Ottenne il primo incarico a Riva di Cavola, nei pressi di Toano (montagna di Reggio Emilia), lontano da casa, tra alunni e famiglie molto povere.
A Riva conobbe l’ingegnere Noè Geti, che diventerà suo marito nel 1935. Dalla coppia nacque il figlio Gianni. Nel 1941 il marito morì stroncato da una malattia, quindi Leda, vedova e madre, fu costretta a tornare a Brescello. Al rientro l’Italia era in guerra, ebbe incarichi a Villa Seta e Pieve Saliceto. Dopo l’8 settembre del 1943 Leda iniziò rapporti frequenti con il CLN locale, ricoprendo il ruolo di staffetta con il nome di “Scampolo” e di supporto alle lotte partigiane nella bassa. Per 20 mesi continuò il suo impegno, con enormi rischi. Poi, dopo la Liberazione, entrò in Consiglio Comunale e assunse l’incarico di Sindaco, dal 1947 al 1951, una delle pochissime donne – forse la prima - a rivestire un compito istituzionale di questo tipo. Rimase poi in Giunta e Consiglio per altri anni, sempre occupandosi di questioni sociali, culturali e scolastiche. Dopo una breve malattia morì nel 1981. Scrive Raffaella Rozzi: “A lei, “donna tra gli uomini” al servizio della politica e della comunità, un grazie di cuore per aver sperato e creduto in un avvenire migliore, di emancipazione delle donne, per una società sempre più democratica e giusta”.

Fonte: Leda: donna, staffetta, Sindaco, pubblicato da Istituto Comprensivo Poviglio-Brescello, Comune di Brescello, ANPI, Biblioteca Comunale - Tipolitografia Valpadana, con il contributo della Pro Loco di Brescello, Brescello, 2016

Riferimenti luoghi: - Casa della famiglia di Leda, situata in Strada Argine Molino Caselle, appena fuori Brescello - Antica sede dell’Ospedale di Brescello, angolo tra Via Gilioli e Via Roma